*RAINING BLOOD* & *RAINING WORDS*

Posted in METAL on febbraio 12, 2013 by CHIARA DAINO

* Mormora parole di fuoco! *
[John Keats]

Ringraziando Daniele Assereto per aver creato Verbathor53®,
ecce *confronto a pioggia* [in fieri] tra testi Metal
– che Dama FURIOSAMENTE volle e FEROCEMENTE [per]segue:

http://www.metaliteracy.it/verbathor53.asp

LUPUS METALLORUM INTELLETTO DA JACOPO RICCARDI

Posted in Uncategorized with tags , , , , , , , , , , , , , , on luglio 10, 2012 by CHIARA DAINO

Immagine
Opus est
introdurre, perché si rende necessario (inevitabilmente necessitato) chiarire (idem) l’impiego di alcuni vocaboli. A partire dall’esclusione proprio del sintagma “vocabolo” in quanto riduttivo. Impiegherò “parola” e dichiaro (bis in idem, ma questa chiosa è autoschediastica a chi la scrive) che Daino è nelle parole. Parola, *paraola, parabola, paraballw, “affianco”, abbinamento di fonema e semantema, di suono e messaggio, di significante e significato. Parola come simbolo. E parole e simbolo non sono univoci. Non sono termini, pietre di confine. Ma possono essere pietre di paragone, pietre di scandalo, pietre fondative, pietre scagliate dai lapidatori. «Le parole sono pietre» negli effetti (e hanno la dignità di poter essere metallo), ma sono plastiche e duttili nelle mani dell’Autore (che attribuisce autorevolezza alle parole, che hanno il privilegio – nell’arco della storia dell’amore per il sapere – di essere caratterizzanti dell’essere umano senza, tuttavia, che buona parte dell’umanità meriti maglie rosa o iridate nel podio dell’evoluzione).

Daino è [anche, in fondo] traduttrice. Perché il “classico è realmente un ideale di valore” e lo puoi affogare sotto ettolitri di bevanda ad alta gradazione, ma sopravvive. Traduce, ovvero interpreta. Interpretare un’interprete è un lavoro avvilente, ché si ratificherebbero i gradi di distanza tra il vero ed il rappresentato che Platone contava per esiliare l’Arte dalla sua Repubblica. Daino, non solo traduttrice professionale (eleggendo Rimbaud, incontro fatale sul battello tanto ubriaco da essere “fatto”), è essenzialmente interpres, parola che (con buona pace dei benpensanti) Plauto (Curc. v. 434) impiega nell’accezione primitiva [autentica] di “negoziatore” [di schiavi]. Ben più libere, le parole abbisognano di negoziatori, di mediatori [culturali], di pontefici come Daino. Donde non interpreterò, ma recensirò [recensio codicum], passerò in rassegna, quasi mimando il saluto militare. Ovvero sp<h>oglierò. Un cammino à rebours di lettura in lettura, di birra in rhum, di pompa in Metal.

Per approcciare (provarci con, detto altrimenti) Daino occorre un corredo ampio: figure retoriche, testi classici, ragnatela letteraria eterogenea (testi che scuce traendone parole, pura logotomia), golate di Carmelo Bene e, naturalmente – fisicamente, cultura metallara. Ed Ella, essendo un daimwn, attende da me una recensione di «Lupus metallorum», obbligando proprio me, del tutto profano, ad un’immersione ri-battesimale nella forgia dello steel. Perchè, ad essere espliciti, Daino è stil / stile / still / stiletto (ma non espliciteremo troppo, perché Daino ama le implicazioni – come le inferenze).

Nel periglio, mi introduco.

E muovo dalla copertina. La tavola periodica di Mendeleev non è solo e non è tanto un sistema classificatorio, che come tale si espone ai rischi (che Daino calcola e sputa, ma ugualmente) di giudizio soggettivo; è una tavola universale, è una struttura cosmica. Il mundus immondo, che è un anticosmico tutto, è intimamente metallico. Il metallo è il négligé del mondo.

Metallo (pesante, sia nel senso della sonorità Heavy che nella tossicità chimica organolettica) è materiale da corazza, però, e sotto la corazza sta in Daino un perizoma semi-invisibile. Come la sua pelle è aromatizzata in tonalità dolciastre, così il suo io – che l’Autore riveste, abolendo la dicotomia persona/personaggio secondo la scuola beniana – riemerge contro volontà, e fa scintillare gli occhi cerulei come se un lampo scaturisse da una caldera sotto la banchisa. Perché intrinsecamente, a causa di vissuti e di destino, la cifra prima di Daino è sofferenza [mathos-pathos]. La sua reazione, il suo antibiotico (pur rappresentandosi ella stessa come virus) è il radicarsi nelle parole. È anzi, il rinascimento delle radici verbali. Dove Daino non accetta la realtà – per non subirla, per non farsi violentare anche da essa – è nella speranza utopistica che il suo     gridare,

il suo labirinteggiare, il suo dire sia capace di sventrare il pensiero comune, che si limita a paupulare (verbo ricorrente nella produzione dainiana). Qui la sinapsi non trasmette, e Giovanna d’Arco riappare, seppur decisamente meno virginale.

Inciso. Come me dopo gli incontri (eventi) con la Dama. Inciso, dunque. Nella predestinazione bizzarra, ho letto a tempo col mio esordio dainiano, l’intervista che Fernanda Pivano ebbe con Charles Bukowski nel 1982, pubblicata col titolo irriverente e pertanto azzeccatissimo «Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle». Daino è un cocktail (beve liscio ma è mix) della traduttrice che aprì le porte dell’Italia tra gli altri al Lee Masters di Faber, alla beat generation (tra cui, scatola cinese, quel Burroughs che letterarizzò per la prima volta la dittologia Heavy metal), a Bob Dylan, e dello scrittore affogato nell’alcool. Posizione indiscutibile, ma dalla quale è più facile rovesciare lo stomaco che il mondo. L’obiezione più subdola che mi si potrebbe fare è relativa, dunque, al perché dedicare un’attenzione critica all’ennesimo utopista che ambisce sbaragliare il fortino dell’editoria, senza poterne avere alcuna ponderata speranza. La prima risposta che darei è che una domanda così impostata non ha nulla della struttura delle domande che pone Daino, che adora Edipo (e l’edipeo enciclopedico) ma è la Sfinge. La seconda è che la Dama merita perché è uno snodo. A prescindere dal suo successo – concetto sdrucito dal comune e banale pensiero, ma con lei odi vulgus profanum et arceo – Daino con folle lucidità sa “linkare” nell’universo logico. Nel suo essere riplasmatrice di Parole ella assume una dimensione sacerdotale, rendendo sacro il Logos secondo una gnosi personale che non disdegna, e per questo lo bestemmia, il Verbo giovanneo.

Lo svelamento integrale dovrebbe toccare, in un navigare in mare aperto, ingredienti salienti dell’opus (opera alchemica) dainiano, a muovere dal sesso che schizza in «Virus71» ed in «[Archi di] Pietra», o l’enigmistica come ludus che attinge tuttavia alla nux della nascita della Scienza.

«Lupus Metallorum» coniuga una – ferrea – volontà apocalittica [rivelante] con scelte lessicali in controtendenza, senza che questo comporti a priori il fallimento dell’iniziativa che sostanzialmente è eroica e meritevole. In Daino erutta l’istanza rieducativa, che assurge in una riflessione più strutturata ad una dimensione sociopolitica attualissima[1].

Stringendo l’obiettivo, ed allargando il forcipe, «Lupus» – per la parte firmata da Daino, corredata dalla matita graffiante di Daniele Assereto – è dunque un testo di “traduzioni” a finalità – anche – didattica: insegnare il Metal, sfatando pseudoimmagini, muovendo dai testi. Plauto disse di sé (Asin. v. 10) vortit barbare, che applicando le analisi storiche di Scevola Mariotti (concetto di “traduzione artistica”) e di Alfonso Traina (concetto di “traduzione poetica”) si traduce propriamente in: “ha riadattato da una lingua straniera”. Ecco, la traduzione di Daino è una vorsio. Non si banalizzi tale opera con quella che tra i banchi liceali si definisce “traduzione libera”. Dallo scrittoio, Daino vuole [deve, è missione] miscelare nel Boston la tra-duzione che sia anche tra-dizione dei contenuti di una Sideris Anthologia (una miscellanea stellare, anche) (e quindi, la conservazione del senso primigenio) e la sua personale rilettura. Poesia al quadrato, poesia di poesia.

Individuato il primo cuore, cioè il teloV, tentiamo il secondo: il valore aggiunto, il carakthr dainiano. Il metallo incornicia dimensionalmente l’arco vitale (diventato arco-come-arma) dell’Autore[2], e la postilla (clausola, conclusione) in prosimetro «Il massacro che sono» segna la traccia. L’ira epica (come allusione ed in senso etimologico) colpisce chi ha fessurato l’io della Donna[3] con toni che ritornano in «Virus71», la resurrectio mortuorum rivisitata in chiave Iron Maiden trasforma la Donna in Dama, la creatura in vampira e qui gladio ferit gladio perit (e ripetiamo: gladio/gladiolo/spada/taglio/ascia/scure/chiara…), la Dama corazzata è nuova Boudicca, mangiauomini che svuota (poco importa sapere se sia fictio letteraria o autobiografia) gli uomini (del caso, anche le loro sacche testicolari). Ma che soffre (fert). Il dolore profondo che il Metal grida e che l’Autore grida come metallara si coniuga col dolore individuale, al quale non già rimedio ma medicamento potente assurge chiaro, dal fondo dell’abisso, la Parola[4]. Dissotterrando A Skull full of Maggots Daino dissotterra un esercito di immortali: da Petrarca a Virgilio, da Shakespeare a Carmelo Bene, da Flaubert (il suo stilista) al vocabolarista Rocci, marciano mimetizzati nelle corde di un’arpa celtica, asserviti ad uno sguardo nivale. Petrarca, su “archi-di-pietra” paronomastici che fungono, in una architettura escheriana, da puntelli, si ritrova ad impugnare una pinta ed i suoi colleghi fluttuano in giochi verbali degni del più raffinato tardo ellenismo o del gongorismo più osé, ma che – ed è qui la vera rivoluzione dainiana – non sono cinguettante concettismo ma veicolo culturale autentico. Daino è un’aristocratica col chiodo, e questo apparente ossimoro è proposta qualificante, e pertanto ignorata, perché decisamente destabilizzante e rifondativa.

Un terzo passaggio attiene al quomodo, per il quale ci soccorre la lettura, anche antologica, di «Lupus» corredandolo dai “testi a fronte”. Preliminarmente: se i testi non sono stati pubblicati non è solo per questione di diritto d’autore, ma perché potesse evidenziarsi che questa è opera propria, vitale in sé, creata e non generata della stessa sostanza (dello stesso elemento). Tuttavia, il raffronto chiarisce anche al neofita con quali strumenti [attrezzi, bisturi], prima di ogni altra riflessione, Daino è intervenuta: 1) ristrutturazione non-meno-ritmica (e dove possibile non-meno-musicale) del tessuto verbale, con l’ausilio di interpunzione espressiva; 2) impiego di figure retoriche tradizionali; 3) vorsiones; 4) interpolazioni (queste ultime sono la forma di intrusione nel testo-base meno rispettose, ma coerenti nello spirito di versione, ed inoltre queste sono generate e create dallo spirito metallico).

Trasversalmente, opera sullo strumentario (sulle corde) la tentazione ineluttabile dell’enimma (secondo la grafia del premetallico Tarchetti, caro all’Autore). Il calembour, il bisticcio, la zeppa, lo scambio, la sciarada, sono l’eserciziario dell’Autore, e fonte non di secondo rango nella ri-scoperta del significato delle Parole (lemma, da lambanw, significa letteralmente “guadagno” e “dizionario” in latino è tuttora thesaurus).

L’impiego dell’em dash (nasalità ricorrente, vedremo) gioca sull’equivoco grafico, spezzando ciò che in realtà deve essere collegato e consente una mimesi della vocalità (un’anastrofe nel parlato), ed indica sia una maggiore rielaborazione che un Metal con maggiori spezzature, toni arditi (hard). All’opposto, il rispetto del fraseggio originario, e quanto più della suddivisione strofica, è indizio di un messaggio più intimo, più rispettato, più sound.

[un solo esempio]

La sovrapposizione con la melodia non è un dogma per Daino: così, in A Skull of Maggots dei Cannibal Corpse, il ritmo sincopato e la vocalità infernale del solista diventano improducibili nella prima strofa, mentre nella seconda – “dialogata” col pubblico che intercala con il ripetuto grido “vermi” (maggots) – la mimesi è maggiore, accentuata dalla scelta grafica di rubricare la voce del coro. La prima strofa, dunque, si presta maggiormente a piccole, significative, dainizzazioni. Così si inseriscono espressioni che non si riscontrano nell’originale come l’additamentum

“pezzi di polvere [cipria di calcio]”

o l’elaborazione di enjembement ambivalenti (“l’ultimo respiro / riposto in una bara” dove in realtà “varca la soglia, l’ultimo respiro” è più fedele all’originale, da cui la virgola inserita distanzia l’opera attuale, accentuando l’icasticità della versione “varcare la soglia” di mitologica derivazione rispetto al più comune ed anglosassone take the breath) e lineette che ridisegnano le dimensioni fondamentali (after a torturous death / Your life ended si trasforma, o meglio si presta ad ambivalente lettura, come “la morte – violenta / la tua vita – è stata”). La strofa di clausola, poi, dopo la “traduzione-omaggio” al gruppo musicale, indulge in un’aggiunta tematica, che si apre con un’equivoca allitterazione in sibilante, di natura viperina (“salme sanguisuga” dove “salme” è forzatura rispetto al singolare che sarebbe grammaticalmente più contestualizzato, ma consente la lettura sostitutiva salme/salve) per svilupparsi attorno al teologico (e sacrilego, quasi, qui) verbo “battezzano” e si conclude con richiami a Boito e Manzoni (“carro di morti”). Il legame tra la sezione più propriamente tradotta e quella originale sta nella ri-titolazione, “Un cranio culla per-le larve” che non richiama le larve di perla dei pescatori, quanto il cuore della perla del bivalve, una larva attorno alla quale i sedimenti creano la perla stessa. Il macabro è solo una veste dell’inequivocabile destino di Daino di trattare l’equilibrio scomposto tra vita e morte, nel quale il battesimo può essere compiutamente compiuto dagli animali saprofagi.

Jacopo Riccardi


[1] Cfr. “La poesia è politica e una poesia che non è rivolta al sociale è terribile” (LM p. 188).

[2] Cfr. “Metal è l’universo che mi abita” (Poetallica, in LM p. 183).

[3] Cfr. “…la poesia è amore del donare…” (LM p. 188).

[4] Cfr. “E sull’unghia di quell’alba ho capito: ero sola con la Parola” (LM p. 193).

PRETI, POETI E METALLARI

Posted in METAL with tags , , , , , , , , , on marzo 26, 2012 by CHIARA DAINO

Ringraziando PostPopuli, Giovanni Agnoloni e Daniele Assereto [per l’immagine qui riportata]: ecce Dama Borchiuta. Nell’incrocio di Chiodi, Chiesa e Credo

http://www.postpopuli.it/5318-to-believe-preti-poeti-e-metallari/

LUPUS METALLORUM: L’OPERA MARTIRE

Posted in METAL with tags , , , , , , , , , , on dicembre 23, 2011 by CHIARA DAINO

Morire per la Fede. «Martirio» e «Martire» sono termini che evocano la fine cruenta di chi sacrifica la propria vita in nome di un Credo. E chiunque creda nella Parola sa che ogni Parola è un ventaglio di sensi e di significati, una materia viva che evolve in base all’uso quotidiano, all’appalto storico, all’impiego letterato e mediatico.

Pasternak chiama gli studenti «martiri dello studio» e siamo tutti martiri. «Martire» deriva dal greco μάρτυς, «testimone» – e non siamo forse tutti testimoni? «Opera Martire» è definizione che nasce per indicare una testimonianza diretta, al di là delle forme scelte per esprimersi. Si tratti di Letteratura, Musica, Pittura, … L’Opera Martire è sintesi e summa di un’esperienza diretta. Lupus Metallorum inaugura questa definizione, elogiando i MARTIRI DEL METAL, i testimoni fisici e spirituali di un’Arte, di una Filosofia e di un’Etica precise.

Piccola premessa per palesare il titolo: nell’iconografia alchemica il Lupus Metallorum è il Lupo dei Metalli che divora il Leone per liberarlo; è il procedimento per raffinare l’oro impuro mediante l’antimonio. Nell’iconografia classica l’Aurea Poesia sposa Petrarca e non, ad esempio, i Pantera. Nell’immaginario collettivo il “poeta contemporaneo”, nuovo cantore della nostra epoca, può vestire i panni di un cantautore [serio, posato e socialmente impegnato], ma non il chiodo, gli anfibi e le borchie. E perché? La Repubblica delle Lettere, la solita cerchia – incensa e canta la solita solfa: «questa è Poesia!», «questa non è Poesia!». E per quale ignota ragione, per i critici miopi, Fabrizio De André è un Poeta e James Hetfield no? Rifiuto questa secolare, tutta italiota, celebrazione «a scomparsa»: si lodano solo i trapassati. E se amore per i defunti deve essere, allora perché non ricordare, Artisti superlativi, anche Dime o Cliff o Ronnie?

Da questa semplice rivolta è nato tutto: «rivolta dell’Anima» contro la «rivolta delle Dentiere» [splendida definizione che una cantante lirica coniò per riassumere il monotono morboso meccanismo che smandibolano i mortinvita].

Circa tre anni fa, convocata per l’ennesimo reading poetico, declamai Il Triste Vero e grandinarono strette di mano e complimenti per versi “particolarmente incisivi”. E fu la prima volta che sorrisi, la prima volta che ammirai [candida carogna!] i critici presenti impallidire – non appena svelai l’origine di quei versi. Non pensavo potesse essere “sconvolgente” dichiarare che, in realtà, Il Triste Vero è semplicemente una trasposizione di Sad but True dei Metallica [e parlo di trasposizione e non di traduzione alla lettera perché così non è. E così non potrebbe essere: l’Inglese è una lingua sintetica e l’Italiano deve praticare «le dovute trasposizioni» per riportarne i messaggi  in armonia di suoni].

Borchia! E Lettera borchiata fu e i “poeti puri” impallidirono, gridando: «sacrilegio!». E ancora si contorcono, i “poeti puri”, per la Poetica Metallica.

E così, credendoci, per Fedeltà [le traduzioni dei testi Metal reperibili in rete sono orride e non rendono giustizia agli Autori], e per Gioco [un gioco grave, la tenera tomba che resuscita scintille] nasce Lupus Metallorum: canzoni di Metallo nobile. Versioni che seguono il suono, che piegano l’Italiano al senso di comunione, lontano dai pregiudizi, lungo il monito di Majakovskij: «leggete i libri di ferro!».

TAVOLE E GRAFICHE di Daniele Assereto, TESTI di Chiara Daino

On my Heavy Metal Christmas my true blood gave to me:

12 silver months
11 black mascaras
10 pairs of wellingtons
9 laced suits
8 pentagrams
7 leather jackets
6 casks of Beck’s
5 skull armbands
4 quarts of Bally
3 studded belts
2 pairs of leather pants
and a book of Poetry!

On my Heavy Metal Christmas my true blood gave to me: THE LUPUS’POETRY!

For Everybody:
http://www.lulu.com/product/ebook/lupus-metallorum/18767322

For Fervent Ones:
http://www.lulu.com/product/copertina-rigida/lupus-metallorum/18745986

*SAVAGE SEDUCTION*

Posted in METALLI COMMEDIA with tags , , , , , , , , , , , , , , on agosto 8, 2011 by CHIARA DAINO

“Chi di noi, volente o nolente, non ha avuto a che fare con la Divina Commedia di Dante? Chi per motivi di studio, chi perchè ha deciso di riprenderla per proprio piacere, chi perchè l’ha sentita declamare da un Benigni o chi, nella precedente generazione, l’ha sentita dalla voce di Gassman, oppure, come ci ricorda l’autrice Chiara Daino, ha avuto il piacere di assistere all’iniziatore di questo filone: Carmelo Bene.
Alla fine (!) la Divina è uno spaccato dei tempi vissuti dall’autore magistralmente elaborata e cesellata sulla carta. Immaginate quindi che venga riscritta nei tempo moderni, magari da un’appassionata di musica dura che non ha peli sulla lingua ma forse abbastanza sullo stomaco (ok non è una bella visione lo ammetto, l’autrice non me ne voglia), fatto questo avrete la Metalli Commedia.

E’ un po’ complicato parlare di un lavoro così tanto elaborato, dietro questo libro si nasconde, ma non troppo, un lungo lavoro che personalmente cercare di esprimere in poche righe non ritengo corretto. Per farvi però capire meglio cosa abbiamo di fronte all’interno troveremo citazioni metal, personaggi della scena musicale e rappresentazioni di canzoni diventate “infernalmente” concrete; ma questo non è tutto. Come detto poco sopra la Commedia era anche un’opinione personale quindi troveremo autori e poeti contemporanei e non, riferimenti più o meno espliciti a questa o quella persona che è stata sfortunatamente, per lei ma non per la Dama, inserita nel posto più meritevole. Ovviamente non mancano il Virgilio e la Beatrice della situazione che diventano tre, non vi svelo nulla ma sono tre grandi ancora in attività.
Non crediate però che il tutto sia serioso o che voglia prendersi troppo sul serio, il lavoro è tanto ma c’è anche lo scanzonato.

Altra menzione va alle note esplicative, la buona autrice ha fortunatamente deciso di darci una mano con una marea di note, praticamente mezzo libro, per facilitarci la lettura e farci entrare un po’ di più nella sua mirabolante mente; troviamo lungo i vari canti però un altro autore, Guglielmo Amore, che ci divertirà con il quarto canto dell’Inferno.
Ah tra i tanti non poteva che essere presente anche Dante che, questa chicca devo svelarla, finalmente ha mandato a quel paese l’amore platonico per Beatrice per passatempi migliori (Fuck Like a Beast!).

Da avere, da leggere, da divertirsi e da custodire. Che geniaccio questa Clara!”

Daniele Ferrero [in Heavy-Metal.it]

E si ringrazia. E per la Recensione e per il Concorso

METAL RULES

Posted in METALLI COMMEDIA with tags , , , , , , , , , , , , on maggio 25, 2011 by CHIARA DAINO

Nella fisiologia umana esiste un crocevia pineale sottonuca dove la memoria in istantaneo flash dei sensi sintetizza stupore e tutta la passione e la dedizione per il rock e bisogna aver molto pogato ai concerti per conoscere che questa folgorazione fulminea ad esecuzione in corso del brano musicale è essenza di tutta  una  esistenza.

Metalli Commedia  chioda ed inchioda questo piacere progressivo, disseminandolo nell’artato parallelismo con la commedia Dantesca. Il periodare dei versi terzinati, sperimenta una sfida, seguendo “la stella fissa di questo mio chiodo”. Borchiato, ovviamente. Del resto non è pleonastico affermare che le strutture strofiche sono icasticamente martellate all’interno di un (ec)citazionismo sempre coerente al concept trainante dell’Heavy Metal.

Esso trascina e ritma con sé, le pulsioni erotiche, lo squarto dark gotico, il “Black Sabbath” della celebrazione metallara, il brand di vasta parte della sua iconologia guerriera, di branco spirituale devoto che urla nel suo wall of sound.

Metalli Commmedia  è una saison a l’enfer di dannati illustri, lanciata in montaggio ad attrazione random, quasi in  videoclip verbali, con la materia del rock e della letteratura, anch’essa interpretata nel clima della gloria viscerale del metal.

 

Novella luce metal si diventa/quando dell’arte si ha lo riscatto/che falso fattor dir non si consenta”.

 

Il Metal viene scelto da Chiara Daino per raggiungere un dire diamantino: forgia in tal senso, una vera  e propria crew di parole linguisticamente idomatiche del gergo metallaro, inchiavardate nelle oscillazioni semantiche e fonosimboliche fra gli anglismi e gli assunti Stilnovisti della lingua Dantesca.

Ad  es: “I’fui lo Scott Ian d’Antrax divertenti” , in questo caso, ad una pronuncia a voce alta dell’asserto, si nota che la stessa dinamica fonematica istantantanea trascina (sarebbe corretto seguendo l’idioma della Daino scrivere thrashina) direttamente all’interno dell’AC / DC , nella corrente alternata degli amplificatori marshall impilati a picco sul palco. Così questo viaggio di una “dama” che si cala e trasfigura in un reame infernale gotico interrogando le tante favelle della sua stessa passione metallica, sembra continuamente essere on stage con musicisti, poeti, artisti, convocati e colti nel loro riconoscimento con la meraviglia partecipata della fan e parimenti visionati da mirabile saggezza di vera agiografa del metal rock, in grado  di rendere le postille del libro succulenta vigna di tutti i fermenti conoscitivi della poetessa. “Ivresse” che anche nelle note a compendio, perdura e stimola seminale disparati percorsi ulteriori.

 

Metalli Commedia ricongiunge la  dama viatrix alla summa orgiastica dei suoni  fino ad una  vera e propria preghiera, la quale giunge davvero quando tutto il fuoco metallico è stato dispiegato ed  il gesto dell’ Heavy Metalist solleva le dita nel simbolo falangeo tricornato. Si compie la mission del verbo che rivede probabilmente (e qui aggiungo mio rimando adolescenziale) anchela  Highway Star degli antenati Deep Purple.

Questo libro, arduo ma fascinoso, ha l’ artificio basico infratestuale e stordente del metal e richiama a sé adepti sferrando contemporaneamente la sua energia.

Per ottenere ciò, non si occupa certo primariamente di essere letto, ma di qualcosa che profondamente possiede la poetessa e che ella sguaina frontalmente davanti al palese confronto performante con la lingua Dantesca, per i suoi inneschi personali, talvolta  sorvegliatamente pulp, poiché il sillabato di Dante è refrain che riveste la foga sempre ed unitamente all’ultratestualità estrema propria e tipica della poetessa.

Così anche per questo motivo è bello perdersi girovaganti in Metalli Commedia ed  amalgamare che cosa vuol dire  con quello che si dice, seguendo l’amore totale che la “dama” offre dai  sensi, eseguiti ed eseguenti, ai riff in assolo delle sue band

preferite.

Infernate & devote all’Heavy Metal.

 

 

 

Aprile  2011,                                                       

Alberto Mori

 

DANTE IS DEAD

Posted in METALLI COMMEDIA with tags , , , , , , , , , , , , , , , on marzo 14, 2011 by CHIARA DAINO

 

http://retroguardia2.wordpress.com/2011/03/14/dante-is-dead-la-%e2%80%9cbeata-metallitudo%e2%80%9d-della-dama-chiara-daino-metalli-commedia/

 

My best hugs, Francesco

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.